fbpx

COVID-19: Indicazioni di Federazione Moda Italia sui saldi estivi

A seguito di una comunicazione che si sta diffondendo attraverso la rete destinata a Confcommercio, al Ministero dell’Economia e delle Finanze ed al Ministero dello Sviluppo Economico per chiedere il blocco di tutte le promozioni e dei saldi fino al 31 agosto 2020, Federazione Moda Italia precisa che, in un momento di apprensioni, confusione e fake news, sta contribuendo a dare certezze agli operatori sulle misure d’urgenza e sull’azione portata avanti per il settore in stretto raccordo con il Sistema Confcommercio, piuttosto che creare confusioni. 

Non è poi chiaro il motivo che spinge un Ente che organizza fiere di moda, affittando spazi espositivi a brand e produttori, ad inviare, attraverso i contatti mail dei negozi in suo possesso diretto e senza coinvolgere il Sistema di rappresentanza, la richiesta per lo stop a promozioni, sconti e saldi nei negozi fino al 31 agosto quando è a tutti più che noto che esiste la vendita online rivolta ad una globalità di consumatori abitanti nel mondo e di certo non assoggettatabile a regole regionali, la distribuzione scontata negli outlet e le ingovernabili politiche di pricing delle potenti catene.

Il tutto fatto in un momento in cui nessuno è in grado di conoscere quando cesserà l’emergenza COVID-19.

E’ normale che, passato questo momento di emergenza coronavirus, occorrerà anche concentrarsi su come reagire. E sarà inevitabile pensare anche ai saldi estivi.

L’attuale contesto di emergenza sta cambiando quotidianamente lo scenario, con richieste che ci sono pervenute volte, da un lato, a confermare quanto emerso dalle indagini e promuovere la posticipazione dei saldi all’effettiva fine stagione anche sulla scorta delle moratorie richieste per l’emergenza coronavirus e sull’evidenza di avvio ritardato delle vendite in piena stagione; dall’altro, a proporre un anticipo della data di avvio al 1° giugno per evitare il rischio di giacenze di merce nei magazzini, nella consapevolezza di perdere marginalità; ed infine anche di cancellare eccezionalmente la stagione dei saldi estivi 2020.

Comunque sulla questione dei saldi, così come sui temi di natura sindacale, riteniamo debbano essere le Associazioni di rappresentanza a fare proposte e non enti profit.

Occorre poi tener conto di provvedimenti già inseriti nel corpo di leggi regionali come ad esempio in Lombardia, ma presenti anche in altre regioni: “In presenza di casi straordinari legati a gravi eventi calamitosi per i quali è stato decretato dal Governo lo stato di emergenza o dalla Regione lo stato di crisi, i comuni, di concerto con la Regione, possono adottare provvedimenti motivati di deroga rispetto all’impossibilità di effettuare vendite promozionali nei periodi dei saldi e nei trenta giorni antecedenti”.

A fronte di queste evidenze e alla luce della situazione che si andrà a manifestare, sarà nostra premura affrontare il tema in Consiglio Nazionale e conoscere la volontà dei Soci del Sistema Confcommercio sul tema per portarla all’attenzione delle Istituzioni competenti.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
CON LA NOSTRA NEWSLETTER

Fatturazione
Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Registrati   |   hai dimenticato la password?